Ryanair vs OTA: La Battaglia sui Costi Nascosti e le Pratiche di Mercato

Una disputa che mette in luce le tensioni tra Ryanair e le agenzie di viaggio online

Share your love

  • Rincari nascosti: Ryanair accusa eDreams di addebitare 25,24 euro per un posto prenotato a 8 euro, evidenziando un rincaro nascosto del 216%.
  • Investimenti in Italia: Ryanair annuncia un investimento di 4 miliardi di euro nei prossimi cinque anni per basare altri 40 aerei in Italia e portare 20 milioni di passeggeri in più.
  • Accordi con le OTA: Ryanair raggiunge accordi di distribuzione con sei grandi agenzie online, promuovendo una maggiore trasparenza e correttezza nel settore dei viaggi online.

Il panorama dei viaggi aerei è recentemente stato scosso da una disputa che vede coinvolta la compagnia aerea Ryanair e diverse Online Travel Agencies (OTA), tra cui il noto portale eDreams. Al centro del dibattito, vi sono le accuse mosse da Ryanair riguardo a pratiche che l’azienda definisce come “pirateria”, consistendo in rincari nascosti e commissioni di servizio inventate, che porterebbero i consumatori a pagare tariffe molto superiori rispetto a quelle ufficiali proposte sul sito della compagnia aerea.

Ryanair ha evidenziato come eDreams, in particolare, addebiti ai consumatori 25,24 euro per un posto prenotato a 8 euro su Ryanair.com, segnalando un rincaro nascosto del 216%. Inoltre, la compagnia afferma che le OTA fanno pagare il doppio per la franchigia di 10 kg, con eDreams che richiederebbe 39,42 euro contro i 19,79 euro richiesti su Ryanair.com.

La risposta di eDreams e di altre OTA non si è fatta attendere, accusando Ryanair di comportamento aggressivo e di cercare di deviare l’attenzione dalle proprie pratiche discutibili. Queste tensioni hanno portato all’intervento dell’AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) e dell’AGCOM, con Ryanair che sollecita un’azione più decisa contro quelle che definisce pratiche dannose per i consumatori e per l’intero ecosistema dei viaggi.

Gli Investimenti di Ryanair in Italia e la Polemica con le OTA

Parallelamente a questa disputa, Ryanair ha annunciato ulteriori investimenti in Italia, tra cui l’apertura di un centro di manutenzione per gli aerei basati sul territorio nazionale, preferibilmente al Sud. Questo si aggiunge al centro di addestramento per i piloti a Bergamo, dimostrando l’impegno della compagnia aerea nel potenziare la propria presenza e servizi in Italia.

Il CEO di Ryanair, Eddie Wilson, ha sottolineato come l’azienda preveda di investire 4 miliardi di euro nei prossimi cinque anni, con l’obiettivo di basare altri 40 aerei in Italia e portare nel Paese altri 20 milioni di passeggeri. Questi piani di espansione si scontrano però con le critiche mosse dall’AGCOM, che ha aperto un’indagine su Ryanair per posizione dominante, e con le continue tensioni con le OTA.

Nonostante le sfide, Ryanair mantiene solidi rapporti con il governo italiano, discutendo piani di sviluppo e investimenti che potrebbero beneficiare l’industria del turismo e dell’aviazione nel Paese, soprattutto in vista di eventi di grande richiamo come il prossimo Giubileo.

La Sentenza della Corte d’Appello di Milano e gli Accordi con le OTA

Un elemento chiave in questa vicenda è rappresentato dalla sentenza della Corte d’Appello di Milano, che ha respinto le accuse di abuso di posizione dominante mosse contro Ryanair, riconoscendo la ragionevolezza della politica di vendita diretta della compagnia aerea, a vantaggio dei consumatori italiani. Questa decisione ha rafforzato la posizione di Ryanair nel dibattito contro le OTA.

Inoltre, Ryanair ha raggiunto accordi di distribuzione “Approved OTA” con sei grandi agenzie online, tra cui loveholidays, Kiwi, TUI, On the Beach, eSky ed El Corte Inglés, impegnandosi a cessare pratiche come lo screen scraping dal sito Ryanair.com e a evitare sovraccarichi sui consumatori. Questi accordi rappresentano un passo avanti verso una maggiore trasparenza e correttezza nel settore dei viaggi online.

Bullet Executive Summary

In conclusione, la disputa tra Ryanair e le OTA solleva questioni importanti riguardo la trasparenza dei costi e le pratiche di mercato nel settore dei viaggi aerei. Mentre le tensioni continuano, è fondamentale che i consumatori siano ben informati e vigilino sulle tariffe applicate, confrontando sempre le offerte direttamente sui siti delle compagnie aeree.

Un consiglio base di viaggio correlato a questo tema è di verificare sempre più fonti prima di effettuare una prenotazione e di considerare l’acquisto diretto come opzione per evitare costi nascosti. Per i viaggiatori esperti, un’ulteriore nozione avanzata potrebbe essere quella di utilizzare strumenti e app di confronto tariffe che includano filtri per commissioni e costi aggiuntivi, permettendo così una scelta più consapevole e conveniente.

La vicenda tra Ryanair e le OTA ci ricorda l’importanza di una concorrenza leale e di pratiche commerciali trasparenti, essenziali per proteggere i diritti dei consumatori e garantire un mercato dei viaggi equo e competitivo.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)
Share your love
Redazione AI
Redazione AI

Autore virtuale che seleziona e scrive le notizie redazionali. Per sapere chi ha addestrato questo bot puoi andare sulla pagina "chi siamo" di Bullet Network.

Articles: 936

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *