Educare alla Salvaguardia del Mare: Esperienze di Successo

Come l'educazione ambientale sta cambiando il rapporto dei giovani con il mare

Share your love

  • Bio-passeggiate educative al Bordighera Blu Park hanno coinvolto oltre 500 studenti, promuovendo la conoscenza e la tutela della biodiversità marina.
  • Raccolta di 25 kg di rifiuti in meno di un'ora da parte dei giovani partecipanti a Viareggio, dimostrando un crescente impegno verso la protezione ambientale.
  • La conferenza allo Yacht Club di Sanremo ha messo in luce la ricchezza della biodiversità marina ligure, sottolineando l'importanza della sua tutela per la vita umana.

In un mondo sempre più attento alle tematiche ambientali, l’educazione giovanile assume un ruolo cruciale nella sensibilizzazione e nella tutela del nostro pianeta. Due iniziative, sviluppatesi in contesti geografici differenti ma unite da un comune obiettivo, hanno dimostrato come l’interazione diretta con l’ambiente possa essere un potente strumento di apprendimento e di cambiamento. Parliamo del Bordighera Blu Park e dell’azione di Marevivo a Viareggio, due progetti che, seppur con modalità diverse, hanno saputo coinvolgere centinaia di bambini e ragazzi nella scoperta e nella protezione del mare e delle sue coste.

Il Bordighera Blu Park, situato nella pittoresca Riviera Ligure, ha organizzato delle bio-passeggiate educative che hanno coinvolto oltre cinquecento studenti, dalla scuola dell’infanzia fino alla secondaria di primo grado. Queste passeggiate, tenutesi in occasione della Giornata Nazionale del Mare, istituita l’11 aprile 2017, mirano a far scoprire ai giovani partecipanti un nuovo modo di guardare al mare e alla spiaggia, attraverso la conoscenza, il senso di meraviglia e la conseguente consapevolezza e tutela. Franco Borgogno, responsabile del progetto, sottolinea l’importanza di questa iniziativa che, attraverso semplici passeggiate sulla spiaggia, permette di scoprire la biodiversità marina e di riflettere sulla necessità di proteggere il nostro mare.

Le mareggiate recenti hanno portato alla luce non solo la ricchezza biologica delle nostre coste, ma anche il problema dei rifiuti, in particolare della plastica, che spesso supera la quantità di materiale organico presente. Nonostante ciò, come evidenziato dalla biologa marina Monica Previati, lo sguardo attento ha permesso di incontrare tantissima vita, tra cui le velelle, meduse innocue che si spostano sulla superficie del mare sfruttando i venti.

La Giornata Mondiale del Mare a Viareggio: Un’iniziativa di Marevivo

Parallelamente, a Viareggio, l’associazione Marevivo ha organizzato una pulizia dell’arenile coinvolgendo un centinaio di alunni della scuola primaria Santa Dorotea. In meno di un’ora, i giovani partecipanti hanno raccolto circa 25 kg di rifiuti, dimostrando un grande entusiasmo e una crescente consapevolezza ambientale. Marina Gridelli, responsabile della delegazione toscana di Marevivo, ha sottolineato l’importanza di coinvolgere i più piccoli in queste attività, per educarli fin dalla giovane età al rispetto e alla protezione dell’ambiente.

La Conferenza allo Yacht Club Sanremo: Un Focus sulla Biodiversità Marina

Un altro momento significativo di sensibilizzazione è stata la conferenza tenuta dal team del progetto Bordighera Blu Park allo Yacht Club di Sanremo. Durante l’evento, sono state esplorate diverse aree marine liguri, evidenziando la ricchezza della biodiversità e l’importanza della sua tutela. Il progetto, sostenuto dalla Fondazione Compagnia di San Paolo e in collaborazione con il Comune di Bordighera, mira a incrementare la conoscenza dell’ambiente marino costiero ligure e a promuovere la consapevolezza della sua importanza per ogni aspetto della vita umana.

Bullet Executive Summary

Queste iniziative dimostrano l’efficacia dell’educazione ambientale diretta, capace di sensibilizzare le giovani generazioni sulla necessità di proteggere e valorizzare il nostro mare e le sue coste. Un consiglio base di viaggio, correlato al tema principale dell’articolo, è quello di approfittare delle vacanze per partecipare o organizzare attività di pulizia delle spiagge o di esplorazione della biodiversità marina, contribuendo così alla tutela dell’ambiente. Per i viaggiatori esperti, un’ulteriore nozione di viaggi avanzata potrebbe essere quella di documentarsi e partecipare a progetti di citizen science legati alla conservazione marina, contribuendo con osservazioni e dati alla ricerca scientifica e alla protezione degli ecosistemi marini. Queste esperienze non solo arricchiscono personalmente, ma permettono di lasciare un segno positivo nel mondo, promuovendo un turismo più responsabile e consapevole.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)
Share your love
Redazione
Redazione
Articles: 928

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *