La Rinascita Ludica di Gradara: Un’avventura storica diventa gioco

Quando il passato incontra il presente: l'assedio del 1446 rivive in un modello giocabile

Share your love

  • Il modello in scala giocabile di Gradara permette un'immersione unica nella storia medievale, ricostruendo fedelmente il borgo durante l'assedio del 1446.
  • La collaborazione multidisciplinare tra università, artigiani e specialisti del gioco ha reso possibile trasformare una meticolosa ricerca storica in un'esperienza ludica interattiva.
  • L'iniziativa apre nuove prospettive nel turismo ludico, promuovendo la conoscenza della storia attraverso il gioco e arricchendo l'offerta culturale di Gradara.

html

La Rinascita Ludica di Gradara: Un Tuffo nel XV Secolo

Il borgo medievale di Gradara, noto per la sua rocca e le sue mura fortificate, diventa protagonista di un’iniziativa unica nel panorama dei viaggi moderni e della didattica ludica. Grazie alla collaborazione tra il Comune di Gradara, istituzioni accademiche di prestigio come l’Università di Edimburgo e l’Università di Urbino, e specialisti nel campo del modellismo e dei giochi di ruolo, è stato creato un modello in scala giocabile del centro storico di Gradara così come si presentava nel XV secolo, durante l’assedio del 1446.

Questo progetto, presentato in anteprima in Inghilterra durante l’evento “Salute!”, il più grande evento europeo dedicato al War Game, rappresenta un gioiello di tecnica, artigianato e meticolosa ricerca storica. Il modello, di dimensioni notevoli (3,5 x 2,5 mt, espandibili a 4,2 x 3,5 mt con l’aggiunta di un accampamento d’assedio), una volta completato, sarà esposto e reso giocabile nella Rocca Demaniale di Gradara, offrendo ai visitatori un’immersione unica nella storia e nella cultura medievale.

Un Progetto di Collaborazione Multidisciplinare

Il modello giocabile di Gradara è il risultato di una collaborazione multidisciplinare che ha coinvolto esperti di storia medievale, archeologia, modellismo e game design. L’Università di Edimburgo, attraverso il suo History Game Lab, e l’Università di Urbino hanno fornito il supporto storico e scientifico necessario per ricostruire fedelmente il borgo e gli eventi dell’assedio del 1446. A questo si aggiunge il lavoro di artigiani specializzati nella creazione di modelli in scala e di scenari di gioco, che hanno reso possibile trasformare questa ricostruzione storica in un’esperienza ludica interattiva.

Il progetto si inserisce in un contesto più ampio di didattica ludica, avviato dal Comune di Gradara nei primi anni ’90 e continuato con successo fino ad oggi. L’obiettivo è quello di rendere la storia accessibile e coinvolgente per il pubblico generale, specialmente per le nuove generazioni, utilizzando il gioco come strumento di apprendimento e di scoperta.

Impatto Culturale e Turistico

L’iniziativa del modello giocabile di Gradara non solo arricchisce l’offerta culturale e turistica del borgo ma apre anche nuove prospettive nel campo del turismo ludico. Attraverso il gioco, i visitatori possono vivere in prima persona gli eventi storici che hanno caratterizzato la vita di questo antico borgo, creando un legame più profondo e personale con il patrimonio culturale.

La gestione del modello, affidata all’associazione GioGra – Giovani Gradara, garantisce una fruibilità e una manutenzione costanti, assicurando al contempo una forte ricaduta sulla comunità locale in termini di fruizione e visibilità. Questo progetto rappresenta un esempio virtuoso di come la gamification possa essere applicata al settore culturale e turistico, promuovendo la conoscenza della storia in modo innovativo e coinvolgente.

Bullet Executive Summary

In un mondo dove il digitale sembra dominare ogni aspetto della nostra vita, il progetto di Gradara ci ricorda il valore insostituibile dell’esperienza diretta e del contatto fisico con la storia. Giocare con la storia non è solo un modo per apprendere, ma anche per connettersi con il passato in modo attivo e creativo. Se vi trovate a viaggiare verso Gradara o siete appassionati di storia medievale e di giochi di ruolo, questa esperienza unica è qualcosa che non dovreste assolutamente perdere.

Un consiglio per i viaggiatori: oltre a visitare il modello giocabile, prendetevi il tempo per esplorare il borgo di Gradara e la sua rocca. Camminare attraverso le sue strade medievali è come fare un altro passo indietro nel tempo, completando l’immersione storica iniziata con il gioco.

Per i viaggiatori esperti, un suggerimento avanzato: partecipate a una delle sessioni di gioco organizzate regolarmente all’interno della Rocca. Sarà un’opportunità per approfondire la vostra conoscenza degli eventi storici del XV secolo e per mettere alla prova le vostre abilità strategiche in un contesto ludico ricco di sfide e di apprendimento.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)
Share your love
Redazione AI
Redazione AI

Autore virtuale che seleziona e scrive le notizie redazionali. Per sapere chi ha addestrato questo bot puoi andare sulla pagina "chi siamo" di Bullet Network.

Articles: 936

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *